Introduzione al Bilancio Comunale

Come ripromessomi, anche se in ritardo, dopo la serata fortemente voluta da Massimo Gianangeli di Jesi,
ho elaborato le immagini della serata cercando di realizzare una sorta di introduzione alle questioni
del Bilancio Comunale a beneficio di tutti.

Le mani di Silenzi sulla Civita Park

ahi ahi2 Ancora una volta ad una ditta che non ha rispettato un contratto, gli impegni in esso previsti, ha fornito finora solo fidejussioni false, ha svolto lavori in abuso edilizio, ha trascinato il comune in una causa al TAR, che vedrà in ogni caso il comune pagarsi le spese legali, viene concesso di cambiare le regole e viene affidato un lavoro il Palas dai costi al momento incerti e dalle garanzie richieste insignificanti, solo 1.500.000 di fidejussioni che comunque non ci sono ancora. L’immobilismo dei primi 6 mesi di quest’anno che non ha visto l’amministrazione fare un solo atto di tutela è evidente.

commissioni

A che servono le commissioni?
Secondo il Tuel dovrebbero avere un ruolo di supporto e di aiuto alla vita pubblica di un comune, ma la realtà nel comune di Civitanova Marche è veramente penosa.
Partendo dalle ultime futili accuse che ci sono state mosse,il MoVimento5Stelle ribadisce che nella commissione urbanistica del 19 marzo 2013 fu votato dal M5S un punto che prevedeva la creazione di un regolamento "oggettivo" di compensazione da utilizzare nel caso in cui venissero proposte ed eventualmente votate in sede di consiglio comunale delle varianti al Piano Regolatore Generale.
Ricordiamo che il consiglio comunale è l'unico organo che può deliberare delle varianti al Piano Regolatore Generale.
L'ipotesi di un regolamento che introducesse dei criteri oggettivi, finora mai adottati, poteva essere una questione di uguaglianza e rispetto delle regole.
Purtroppo poi il regolamento presentato è stato presentato solo come bozza nella commissione del 7 maggio 2013 ( vedi all. ) e poi portato direttamente in aula ad agosto senza più passare dalla commissione urbanistica e solo quando a tre giorni dal consiglio abbiamo potuto leggerne la formulazione finale è stato subito evidente che di oggettivo  in quel regolamento non c'era più nulla. Addirittura il criterio "monetario" compensativo di cui si era discusso ed ipotizzato era diventato una facoltà da poter cambiare eventualmente con la cessione di aree, come poi guarda caso era proposto nello spostamento di cubatura su Via Guicciardini. Né si faceva minimamente accenno al fatto che tali somme dovessero, come discusso, essere legate esclusivamente a spesa per lavori pubblici.
Perché quindi il regolamento una volta definito non è stato fatto passare nuovamente in commissione urbanistica?
E' forse perchè solo pochi intimi della maggioranza sapevano realmente come era fatto il regolamento definitivo?
Cosa voleva nascondere l'assessore Micucci, che ha portato il regolamento direttamente in aula e che poi in aula non ha risposto alle nostre puntuali obbiezioni?
Come mai il consigliere Rossi si dichiarava d'accordo con quanto sotenuto dal consigliere Carassai, che ringraziamo ancora per lo spendido lavoro della palestra/palazzetto a Civitanova Alta, e lasciava l'aula prima del voto?
Tra gli esponenti della maggioranza che avevavo e che hanno dei dubbi su questi punti di consumo del territorio solo Angelini e Rosati hanno manifestato con decisione le loro contrarietà e perplessità in difesa del territorio e dei civitanovesi residenti.

Nessuna trasparenza sulla Civita Park

no accessoA differenza di quanto affermato dai responsabili della Civita Park nelle loro dichiarazioni pubbliche del 25 maggio 2013 ( vedi link ) e successivamente del 20 giugno 2013 ( vedi all. ) dove si diceva che i lavori fossero quasi al termine e si invitavano sia i cittadini che i politici a venire a vedere lo stato dei lavori, di fatto questo è stato vietato ai rappresentanti del Movimento5Stelle.
In data 12 luglio il consigliere Emiliozzi Mirella si presentava presso la direzione dei lavori chiedendo se fosse possibile visionare i lavori, così come pubblicizzato, e dopo un iniziale diniego "non è possibile per motivi di sicurezza"....eccependo che questo era decisamente in contrasto con le dichiarazioni pubbliche fatte i toni si inasprivano e veniva detto che la visita sarebbe potuta avvenire solo dopo una autorizzazione dei vertici comunali.
Poichè, come in tutta questa vicenda, l'intento era capire e tutelare gli interessi dei cittadini civitanovesi e non creare delle polemiche fuori luogo, veniva inoltrata una richiesta ufficiale di poter ispezionare il cantiere e lo stato dei lavori per la parte pubblica, nei modi e nei tempi più consoni possibili.
La risposta quasi immediata con nota prot. 34136 del 22/07/13 dispone che "......... alla S.V. non può essere consentito l'accesso in cantiere ai sensi del D.Lgs. 163/2006, D.P.R. 2007/2010 e D.Lgs. 81/2008" ( vedi all. ).
La trasparenza sbandierata ai quattro venti di fatto è una pubblicità ingannevole.

C'é qualcosa da nascondere se prima si invitano addirittura i cittadini e poi si nega ad un consigliere l'accesso?

SPRECO

Per trasparenza, visto che questa amministrazione non riesce neanche a rispondere alle interrogazioni poste in consiglio comunale riportiamo la interrogazione sulla residenza studenti/anziani presentata in data 03/05/2013 ( vedi all. ) per la quale abbiamo ricevuto risposta solo in data 05 luglio 2013 ( vedi all. ).

Violata la legge sugli appalti

appaltiAncora una violazione di legge perpetuata sotto questa amministrazione. Il settore lavori pubblici non si fa mancare proprio nulla. Con determina numero N. 7 del 08-01-2013 avente per oggetto la NOMINA COMMISSIONE TECNICA DI GARA per la ISTALLAZIONE IMPIANTO SOLARE TERMICO PRESSO PISCINA COMUNALE ( vedi all ) venivano nominati i membri che avrebbero fatto parte di questa commissione tra cui delle figure professionali tecniche che possono svolgere le funzioni richieste dalla commissione citata e come indicato dall' art. 84 del D.Lgs. n. 163/2006 ( legge sugli appalti pubblici ). Tra queste figure il dirigente Capozucca del V settore, firmatario della determina, nominava come componente esterno l'Ing. Patrizio Micucci ( pag 2 ) provvedendo a determinare anche il suo compenso ( pag 3 ) ed infine provvedendo a trasmettere il presente atto all'Assessore competente come da vigente Regolamento sull'Ordinamento degli Uffici e dei Servizi. Due giorni dopo lo stesso dirigente firmava la determina nr 17 del 10-01-2013 con la quale affidava l'incarico della direzione dei lavori per la ISTALLAZIONE IMPIANTO SOLARE TERMICO PRESSO PISCINA COMUNALE allo stesso ing. Micucci ( vedi all ) atto che viene trasmesso come il precedente sempre all'Assessore competente.

- L'Art. n. 84 comma 4° del D.lvo 163/2006 infatti (c. d. Codice degli Appalti) prevede che nelle commissioni giudicatrici, nel caso di aggiudicazione con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa, i commissari diversi dal Presidente non devono aver svolto né possono svolgere alcun'altra funzione o incarico tecnico o amministrativo relativamente al contratto del cui affidamento si tratta. - Il comma 7° del citato Art. 84 D.lvo 163/2006 prevede inoltre che ai commissari si applicano le cause d'incompatibilità previste dall'Art. 51 del codice di procedura civile, cpc. Ovviamente il nostro Assessore ai lavori pubblici, pure lui laureato in legge non aveva nulla da eccepire. Così come il presidente della commissione LL. PP. Rossi, assiduo frequentatore della palazzina tecnologica, ma più intento a spulciare post su facebook che atti e delibere della sua amministrazione.

Ci dispiace essere ripetitivi, ma solo 3 settimane fa fu deciso il rinvio della questione sulla proroga da concedere alla Civita Park posta all'ordine del giorno della seduta del 14 maggio 2013, questione che venne spostata al prossimo consiglio. Ora scopriamo che a differenza di quanto detto giorni fa durante la conferenza dei capigruppo la questione non é più nell'ordine del giorno del consiglio comunale di domani e così di fatto son passate altre 3 settimane di proroga concessa di fatto come se niente fosse e ci chiediamo quante ne passeranno ancora?
Ad oggi 3 giugno 2013 non ci sono fidejussioni, nemmeno l'ombra, per i 16 milioni di opere pubbliche previste e sottoscritte consapevolmente e liberamente dalla ditta in sede di convenzione. Non esiste neanche la fidejussione imposta dal TAR per concedere alla società la sospensione del pagamento dei 900.000 € di oneri di costruzione contestati. Il brutto è che questo importo di novecentomila euro è anche sparito dalle voci del rendiconto 2012 appena approvato.

Lungomare Nord lavori fatti senza contratto

Quando si dice che le cose nascono male e poi finiscono pure peggio. Tralasciando tutto quello che fin qui è accaduto, i lavori fatti senza recinzione alcuna, la bontà o meno del progetto etc.. etc.. etc..
Scopriamo che il contratto dei lavori per il lungomare Nord è stato firmato in data 30 MAGGIO 2013. Si avete letto bene 30 MAGGIO 2013, un'opera che è pure finita in una discussione animata in consiglio comunale era un lavoro che si stava svolgendo senza un regolare contratto. Eppure i lavori, oramai quasi finiti, sono stati deliberati dalla giunta il 7 febbraio e la gara di appalto è stata indetta ed aggiudicata il 18 marzo 2013. Da quella data la determina di affidamento lavori è poi del 23 aprile 2013 (nr. 158 vedi link). Come è stato possibile fare iniziare i lavori senza un regolare contratto? Se fosse successo qualcosa?
Le fidejussioni assicurative abbiamo poi letto nel contratto che sono datate solo 6 maggio 2013.
Noi avevamo richiesto una copia del contratto il 22 maggio ed ieri 30 maggio abbiamo ricevuto la seguente risposta : Consigliere Pucci Facendo seguito alla Sua richiesta del 22 Maggio 2013, si comunica che il contratto relativo ai lavori di cui all' oggetto, è stato stipulato in data odierna. La copia del contratto può essere ritirata presso il mio ufficio. Distinti saluti. Contratto ritirato ieri e datato 30 maggio 2013 

Il sindaco mente sulla Civita Park

Ancora una volta il sindaco vuole sfuggire alle sue responsabilità.
In merito a questa faccenda si proclama vittima ma cosa ha fatto in concreto sotto il suo mandato per tutelare i civitanovesi? NULLA!
E' dall'anno scorso che abbiamo denunciato che le fidejussioni erano false. Che abbiamo continuato a chiedere con insistenza atti e documenti.
Richieste che passano sempre sotto l'occhio vigile del Segretario Comunale.
Il MoVimento 5 stelle chiedeva ancora all'inizio di quest'anno che tipo di fidejussioni erano state presentate dalla Civita Park visto che quelle precedenti ( false ) erano comunque temporalmente scadute. L'8 gennaio il dirigente alle finanze bocciava in quanto non idonei i prospetti di polizze presentate.
Il 17 gennaio il Segretario Comunale rispondeva a nostre specifiche richieste con lettera 2851 che : "...gli schemi di polizza che la stessa Società Civita Park ha prodotto sono di compagnie non idonee a garantire tali impegni nei confronti di enti pubblici."
E il sindaco cosa ha fatto? NULLA!

Ognuno di noi tramite la propria esperienza quotidiana sa che le comunicazioni legali ed amministrative vengono fatte tramite strumenti che attestano la ricezione del messaggio da parte del destinatario come raccomandate, fax o PEC. Ognuno di noi tramite la propria esperienza quotidiana sa che accordi legali ed amministrativi tra parti vengono stipulati tramite contratti e convenzioni. Gli unici che non lo sanno, o meglio fingono di non saperlo, sono tutti i componenti della maggioranza di centro sinistra, sindaco assessori e consiglieri. Avendo avuto luogo il Consiglio Comunale per l'insediamento della nuova maggioranza di centro-sinistra in data 08/06/2012, dopo un lungo silenzio sulla questione Cavalcavia, il MoVimento 5 Stelle protocolla un primo accesso agli atti in data 18/10/2012 ( scarica qui ). La risposta del Sindaco Tommaso Claudio Corvatta e dell'assessore all'Urbanistica Micucci Francesco è veramente penosa: si afferma praticamente che si sono messi d'accordo con la Quadrilatero per la cancellazione del Cavalcavia solo oralmente. Questo è scritto nella risposta del 08/11/2012 è incredibile ma vero (scarica qui ). Non so se ci rendiamo conto: se in un condominio si rompe un citofono e un inquilino si rifiuta di pagare qualche decina di euro per la riparazione, allora l'amministratore di condominio manderà all'inquilino moroso una raccomandata. Invece il Comune di Civitanova Marche per comunicare alla Quadrilatero che non vuole più realizzare il Cavalcavia, opera di decine di milioni di euro e che include una permuta di due enormi lotti, ... glielo dice "a voce"....?!?!?!.... è chiaramente una barzelletta! A noi le barzellette piacciono.... ma non quelle che creano danno ai cittadini.... e la verità secondo noi, a questo punto è che il centro-sinistra il Cavalcavia lo vuole fare!

Pagina 5 di 7
Go to top