Servizio spazzamento: irregolarità in vista?

spazzUn appalto di circa 550.000 euro è stata vinto da una cooperativa, la Cleaning Service scarl, dal capitale sociale di soli 200 (duecento euro), tanto che due ditte hanno dovuto fare da garanti per lei, una dal punto di vista economico ed una dal punto di vista tecnico/operativo. Un’aggiudicazione d'appalto alquanto particolare, senza poi voler considerare l'aspetto etico: uno dei soci fondatori della cooperativa Cleaning Service scarl ha avuto una delega per rappresentare e votare per l’amministrazione comunale in una assemblea del Cosmari a giugno 2012. Ma la questione che ci sembra da chiarire è soprattutto il rispetto previsto dal bando di gara di assumere almeno l'80% del personale precedentemente occupato dalla ditta uscente.

Di fatto su 16 persone 4 sono state subito lasciate a casa. Ma in realtà l'80% di 16, da un punto di vista matematico, è 12,8, cioè quasi 13. L’attuale amministrazione al tempo della sua elezione si è battuta nei tribunali per affermare che il 14,4 (cioè il 60% dei consiglieri eletti su 24), fosse di fatto riconosciuto come 15 consiglieri. E perchè mai ora accetta che 12,8 posti di lavoro diventino 12 a tutto vantaggio dei 4 membri fondatori della cooperativa aggiudicataria, che sembrerebbero inoltre essere tutti parenti fra loro?
EVVIVA LA SINISTRA !!!
Altrettanto singolare è che alcuni dipendenti ci abbiano dichiarato di non essere mai stati pagati finora da dicembre e come siano stati assunti solo con un contratto a termine al momento scaduto e non rinnovato.
Speriamo che l'amministrazione controlli subito quanto di poco chiaro sta avvenendo e chiarisca quanto prima.
Proprio ieri il M5S ha presentato una interrogazione in tal senso per verificare se le situazioni descritte violino gli impegni sottoscritti e previsti del bando.

Ultima modifica il Giovedì, 06 Febbraio 2014 03:41

1 commento

  • Ruggero

    inviato da Ruggero

    Venerdì, 07 Febbraio 2014 21:43

    eppure ce ne sono di cose da dire....
    questi sono posti, che fino al 2000, spettavano ai DISOCCUPATI CON FIGLI, reddito zero, e ULTRAQUARANTENNI, poi la *truffa*... l'art. 16 L 56/87 obbligava, infatti tutti gli enti pubblici a assumere TUTTI I LIVELLI "B" dal collocamento secondo questa procedura. http://lavoro.parma.it/allegato.asp?ID=430311 POI PERò NEL 2000 le "pubbliche amministrazioni" si sono inventate il BLOCCO DELLE ASSUNZIONI e la possibilità di avvalersi di SOCIETA' PRIVATE (TITOLO V COSTITUZIONE),per un servizio pubblico. e quindi a Roma, dove c'era 1 spazzino ogni 500 metri, oggi NON CE NE SONO PIU' nessuno pulisce più tutti i giorni canale e chiusini pluviali e il risultato è RACCOMANDATI A SUCCHIARE SOLDI PUBBLICI, alluvioni disastrose, un mare di soldi per riparare ciò che è distrutto,(un privato ci guadagna solo se NON pulisce o pulisce male), subappalti a personale in nero, politici arricchiti sindacalisti venduti E DISOCCUPATI AD IMPICCARSI TUTTI I GIORNI...
    ed è così IN TUTTA ITALIA!
    RISTABILIRE SUBITO LA LEGGE 56/87 E DIVIETO DI LUCRO NEI SERVIZI PUBBLICI IN COSTITUZIONE!
    ADESSO!!!

    Rapporto

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I più letti

Ultimi Articoli

Go to top