Comunicati

Comunicati (38)

Violata la legge sugli appalti

appaltiAncora una violazione di legge perpetuata sotto questa amministrazione. Il settore lavori pubblici non si fa mancare proprio nulla. Con determina numero N. 7 del 08-01-2013 avente per oggetto la NOMINA COMMISSIONE TECNICA DI GARA per la ISTALLAZIONE IMPIANTO SOLARE TERMICO PRESSO PISCINA COMUNALE ( vedi all ) venivano nominati i membri che avrebbero fatto parte di questa commissione tra cui delle figure professionali tecniche che possono svolgere le funzioni richieste dalla commissione citata e come indicato dall' art. 84 del D.Lgs. n. 163/2006 ( legge sugli appalti pubblici ). Tra queste figure il dirigente Capozucca del V settore, firmatario della determina, nominava come componente esterno l'Ing. Patrizio Micucci ( pag 2 ) provvedendo a determinare anche il suo compenso ( pag 3 ) ed infine provvedendo a trasmettere il presente atto all'Assessore competente come da vigente Regolamento sull'Ordinamento degli Uffici e dei Servizi. Due giorni dopo lo stesso dirigente firmava la determina nr 17 del 10-01-2013 con la quale affidava l'incarico della direzione dei lavori per la ISTALLAZIONE IMPIANTO SOLARE TERMICO PRESSO PISCINA COMUNALE allo stesso ing. Micucci ( vedi all ) atto che viene trasmesso come il precedente sempre all'Assessore competente.

- L'Art. n. 84 comma 4° del D.lvo 163/2006 infatti (c. d. Codice degli Appalti) prevede che nelle commissioni giudicatrici, nel caso di aggiudicazione con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa, i commissari diversi dal Presidente non devono aver svolto né possono svolgere alcun'altra funzione o incarico tecnico o amministrativo relativamente al contratto del cui affidamento si tratta. - Il comma 7° del citato Art. 84 D.lvo 163/2006 prevede inoltre che ai commissari si applicano le cause d'incompatibilità previste dall'Art. 51 del codice di procedura civile, cpc. Ovviamente il nostro Assessore ai lavori pubblici, pure lui laureato in legge non aveva nulla da eccepire. Così come il presidente della commissione LL. PP. Rossi, assiduo frequentatore della palazzina tecnologica, ma più intento a spulciare post su facebook che atti e delibere della sua amministrazione.

Tares, ma quali accordi !!

no taresIn relazione agli articoli apparsi su delle testate giornalistiche dove il M5S di Civitanova veniva accusato di aver fatto
accordi con il centrodestra per far saltare il consiglio comunale del 28/06 , lo stesso smentisce con sdegno tale accordo.
Questa amministrazione cerca di nascondere le proprie divisioni interne prendendosela con il M5S
che oramai smaschera quotidianamente tutte le magagne che loro combinano.
Attaccandosi ad un post che un nostro attivista ha scritto su facebook dove si diceva che noi ci eravamo sentiti con il
centrodestra hanno stravolto completamente il senso di tale affermazione.
Dopo la riunione dei capigruppo avvenuta il martedì prima del consiglio comunale, riunione in cui la capogruppo Franco chiedeva
all'opposizione che causa molte defezioni tra la maggioranza di non far mancare  il numero legale per lo svolgimento stesso del consiglio,
all'uscita noi chiedevamo ai consiglieri del centrodestra come si sarebbero comportati in un
confronto dialettico, che avviene sempre nell'ambito di ogni riunione dei capigruppo,
ma solo per avere un quadro completo della situazione e per dare più informazioni possibili ai cittadini nella riunione del mercoledì. 

Gas Marca : assunzioni pure qui

il gatto la volpeLe sorprese non finiscono mai da quando questa nuova amministrazione si è insediata. Anche a Gas Marca nuove assunzioni, un nuovo capitolo si aggiunge da quando ci furono vietati gli accessi agli atti per le commissioni d'indagine sulle assunzioni.

L' ex consigliere Flavio Rogani che si era già distinto per aver incasinato la commissione bilancio con le improvvise dimissioni, coperto sempre finora da Ivo Costamagna, e per aver cercato di raddoppiarsi l'emolumento, da presidente di Gas Marca, ha provveduto in questa sua veste all'assunzione di nuovo personale in aperta violazione degli obblighi procedurali sanciti con la delibera di consiglio comunale nr 81/2008 ( vedi all. ) e la delibera di giunta nr 528/2008.

Ognuno di noi tramite la propria esperienza quotidiana sa che le comunicazioni legali ed amministrative vengono fatte tramite strumenti che attestano la ricezione del messaggio da parte del destinatario come raccomandate, fax o PEC. Ognuno di noi tramite la propria esperienza quotidiana sa che accordi legali ed amministrativi tra parti vengono stipulati tramite contratti e convenzioni. Gli unici che non lo sanno, o meglio fingono di non saperlo, sono tutti i componenti della maggioranza di centro sinistra, sindaco assessori e consiglieri. Avendo avuto luogo il Consiglio Comunale per l'insediamento della nuova maggioranza di centro-sinistra in data 08/06/2012, dopo un lungo silenzio sulla questione Cavalcavia, il MoVimento 5 Stelle protocolla un primo accesso agli atti in data 18/10/2012 ( scarica qui ). La risposta del Sindaco Tommaso Claudio Corvatta e dell'assessore all'Urbanistica Micucci Francesco è veramente penosa: si afferma praticamente che si sono messi d'accordo con la Quadrilatero per la cancellazione del Cavalcavia solo oralmente. Questo è scritto nella risposta del 08/11/2012 è incredibile ma vero (scarica qui ). Non so se ci rendiamo conto: se in un condominio si rompe un citofono e un inquilino si rifiuta di pagare qualche decina di euro per la riparazione, allora l'amministratore di condominio manderà all'inquilino moroso una raccomandata. Invece il Comune di Civitanova Marche per comunicare alla Quadrilatero che non vuole più realizzare il Cavalcavia, opera di decine di milioni di euro e che include una permuta di due enormi lotti, ... glielo dice "a voce"....?!?!?!.... è chiaramente una barzelletta! A noi le barzellette piacciono.... ma non quelle che creano danno ai cittadini.... e la verità secondo noi, a questo punto è che il centro-sinistra il Cavalcavia lo vuole fare!

A nome del Movimento 5 Stelle delle Marche ringraziamo per l’opportunità che ci viene offerta in questa Conferenza regionale di esprimere il nostro pensiero sulla Buona Sanità, che sappia quindi porre al centro della sua attenzione gli uomini: siano essi utenti oppure operatori sanitari in grado di offrire servizi adeguati.

Infatti non sono soltanto i malati a dover essere considerati cittadini meritevoli, ma anche coloro che operano all’interno delle strutture sanitarie, i quali hanno il diritto di poter spendere al meglio la propria professionalità, che frequentemente viene disumanizzata e costretta a subire un modello organizzativo molto dispendioso e poco efficiente. D’altronde, da quando gli ospedali hanno smesso di chiamarsi in tale modo e sono divenuti aziende ospedaliere hanno cominciato a essere gestiti e, spesso, purtroppo, mal gestiti come imprese che però non producono auto, abbigliamento o elettrodomestici, ecc., ma dovrebbero “produrre” Salute.

Abbiamo assistito come spettatori, sino ad oggi, alle direttive della cosiddetta ‘riforma sanitaria’ e a tutte le vicende che l’hanno accompagnata.

Siamo assolutamente d’accordo - e come non potremmo esserlo - con alcuni contenuti, diffusi tramite una abile campagna di comunicazione, sostenuta e amplificata da costosi manifesti che compaiono sulle pagine di tutti i quotidiani, e su alcuni concetti già noti che per necessità di sintesi elenchiamo solo nelle parole chiave:

  • Rimodulare i servizi per offrire a ogni cittadino cure appropriate.
  • Rafforzare la diffusione e la qualità dei servizi; l’ integrazione socio-sanitaria; i risparmi derivanti dai costi burocratici, animati dai localismi.
  • Ridurre la frammentazione ospedaliera.

Facciamo osservare che già in passato, erano stati enunciati questi buoni propositi, allora ci chiediamo: cosa è stato fatto in questi anni? Perché la prevenzione è stata completamente trascurata? E probabilmente dovremmo rivedere il concetto stesso di prevenzione, che implica il rivedere il modello sociale di riferimento. 

Votate per Voi

ancona

Beppe Grillo sosterrà domenica le tappe marchigiane dello Tsunami tour. Sarà alle h. 17.00 a Pesaro in Piazza del Popolo Sarà alle h. 21.00 ad Ancona in Piazza Roma. Si stanno organizzando autobus per partecipare insieme all’evento. Contattateci qui e/o presso il sig. Stefano Mei c/o Hotel Velus. 

Pagina 5 di 7

Newsletter

I più letti

Ultimi Articoli

Go to top